Napoli (italiana: Napoli , napoletana: Napule ), in Italia, è la capitale della regione Campania.

La città è il terzo comune più popoloso (città propria) d’Italia, ma la seconda area metropolitana, dopo Milano. Fu fondata tra il VII e il VI secolo a.C. dai Greci e fu chiamata Neapolis, che significa nuova città. Il centro storico di Napoli ha guadagnato la denominazione del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Ha uno dei più grandi centri storici del mondo e il suo orgoglio sono le 448 chiese storiche e monumentali, il numero più alto del mondo per una singola città.
Troverai una città vibrante con molto da vedere e da fare, una città in cui il grande afflusso di turisti come a Roma, Venezia, Firenze ecc … non è accaduto (per ora) e ha quindi permesso alla città di conservare gran parte delle sue cultura originale, che consente di visitare una gemma nascosta a sole 2 ore a sud di Roma. Il suo territorio, in particolare la vista iconica del golfo di Napoli (ma anche il Vesuvio, la musica, ecc.) È senza dubbio una delle immagini simboliche più potenti d’Italia.

Quartieri

Napoli è una città enorme con numerosi articoli del distretto che contengono elenchi di attrazioni, ristoranti, locali notturni e alloggi: dai un’occhiata a ciascuno di essi.

Napoli era divisa in 30 quartieri ( quartieri ), tuttavia oggi questi quartieri non hanno molto uso amministrativo ma sono ancora usati dai locali per riferirsi a parti della città. Oggi la città è divisa in 10 comuni. Tuttavia questa pagina dividerà Napoli in 5 distretti e regioni dal punto di vista del viaggiatore .

Napoli centrale

Centro Storico (Centro storico)
Un labirinto di storia costruito in più strati di un periodo sull’altro e principale attrazione turistica di Napoli. Con eccellenti pizzerie, chiese barocche , rovine greco-romane sotterranee , strade famose come Spaccanapoli con negozi che vendono figure tradizionali della natività napoletana, mozzarella, costumi e souvenir e una vivace vita notturna e atmosfera rendono questo museo vivente gratuito da vedere tra i must vede di Napoli.
Agnano
Cratere vulcanico famoso e preferito dai romani e dai greci per le sue sorgenti termali, oggi uno dei centri del divertimento napoletano con una delle più grandi discoteche della città e uno dei più grandi centri sportivi di Napoli. Inoltre, si trovano all’interno della zona sono le terme, resti di terme romane, la Grotta del Cane a Mofetta e sede di numerose vulcaniche fenomeni e l’Astroni cratere oasi del WWF.
Posillipo e Chiaia
Con rovine romane sia a terra che sott’acqua, la famosa vista di Napoli, una passeggiata sul mare con acqua blu scuro in contrasto con i gabbiani appollaiati su cieli bianchi, il castello normanno Castel dell’Ovo , chiese barocche , palazzi e giardini rendono questo una delle destinazioni più affascinanti di Napoli.
Arenella e Vomero
Un bel quartiere costellato di alberi, altre chiese e castelli e ville.
San Carlo all’Arena
Bel quartiere con piazze a cimitero e il più grande palazzo monumentale di Napoli, l’ Ospedale L’Albergo Reale dei Poveri .

Capire

Sia Napoli che il Napoli italiano locale sono accettabili; in entrambi i casi, è un derivato dell’antico nome greco Neapolis , che significa nuova città . I Greci per primi stabilirono la città e abitarono la regione molto prima dell’epoca romana.

La lingua più parlata a Napoli è l’italiano o una miscela di italiano e napulitano (napoletano). Il napoletano è talvolta descritto come un dialetto italiano , ma può essere considerato un linguaggio separato e talvolta incomprensibile. Il napoletano non gode di uno status ufficiale, ma ha una ricca tradizione letteraria ed è ancora fiorente in Campania e nelle parti adiacenti del Lazio, Abruzzo, Basilicata, Molise e Calabria. Detto questo, la lingua ufficiale di Napoli (come di tutta l’Italia) è l’italiano e tutti lo parlano. Il napoletano ha forti influenze spagnole e francesi originate dalla loro occupazione nell’area. Pertanto, la gente del posto comprende più parole spagnole e francesi che in altre parti d’Italia. L’inglese è la lingua straniera più comunemente parlata, sebbene la conoscenza media dell’inglese sia tutt’altro che eccellente.

Arrivo

In aereo

Napoli è servita dall’aeroporto di Napoli , noto anche come aeroporto di Capodichino .

Dall’aeroporto è possibile prendere un autobus per € 3 (chiamato Alibus) che ha solo due fermate: Stazione Centrale (Stazione centrale) e Piazza Municipio, vicino al porto principale dei traghetti (molo Beverello). Puoi acquistare il tuo biglietto sull’autobus. Ulteriori collegamenti sono elencati in questa pagina del sito ufficiale dell’aeroporto. Alcune note: il biglietto Alibus è di € 4 se lo acquisti dall’autista sull’autobus. Risparmia € 1 acquistandolo in aeroporto o presso la Stazione Centrale da uno dei negozi. Nota anche che la fermata Stazione Centrale non è proprio fuori dalla stazione ferroviaria – è a circa 200 metri circa in Piazza Giuseppe Garibaldi. Esci dalla stazione ferroviaria vicino al McDonalds, attraversa la strada (Corso Novara) e scendi lungo la via pedonale senza nome che corre parallela a Piazza Giuseppe Garibaldi (evita la gente che vende iPad ottenuti in modo discutibile). La fermata dell’autobus sarà alla tua sinistra.

Se hai tempo da perdere, puoi prendere l’autobus 3S che ti porterà alle stesse fermate dell’Alibus per un prezzo più economico. La differenza è che l’Alibus ha fermate limitate ma il 3S ti porterà nei vicoli che conducono alla Stazione proseguendo fino al porto e ad una zona commerciale. Inoltre, Alibus è climatizzato mentre la maggior parte degli autobus 3S non lo sono.

Fai attenzione ai taxi illegali e non autorizzati e a chiunque possa contattarti direttamente. I taxi autorizzati sono chiaramente visibili all’uscita; esistono tariffe fisse per diverse destinazioni e devono essere chiaramente indicate nel taxi. Assicurati che siano prima di salire sul taxi e minacciare di chiamare la polizia (“polizia”) nel caso in cui il tassista tenti di respingere.

Con il treno

La stazione principale è Napoli Centrale – Stazione Piazza Garibaldi , collegata al sistema della metropolitana di Napoli. Gli autobus R2 o 601 da Piazza Garibaldi di fronte alla stazione ferroviaria vi porteranno a tre isolati dai traghetti della Stazione Marittima. Altre stazioni includono Mergellina , un magnifico edificio Art Déco e Campi Flegrei . I costi dei treni da / per Roma variano molto, che vanno da un treno regionale da 3,50 € di 3 ore a FrecciaRossa ad alta velocità da 1 ora e 10 minuti . Il nuovo treno ad alta velocità Italo (fornito dalla società privata NTV) offre prezzi competitivi (prenotando in anticipo il prezzo può essere di soli 19 €).

In barca

Le navi da crociera attraccano alla Stazione Marittima, un grande terminal situato proprio nel centro della città, vicino a Piazza Municipio.

  • Il Gruppo MedMar gestisce diverse grandi navi traghetto / passeggeri che collegano Napoli con la Sardegna (Olbia), la Corsica (Porto Vecchio), la Tunisia (Tunisi) e le Isole Eolie. Questi viaggi di solito partono nel tardo pomeriggio o la sera e arrivano a destinazione la mattina successiva.
  • Tirrenia Navigazione offre un servizio di traghetto notturno che ha due rotte separate, una per la Sardegna (Cagliari) e l’altra per la Sicilia (Palermo).

In macchina

Napoli è direttamente collegata con Roma dall’autostrada A1 e il viaggio dura generalmente meno di 2 ore. A causa di ingorgo e carenza di parcheggi nel centro città, è consigliabile lasciare l’auto in un parcheggio vicino all’uscita dell’autostrada o all’alloggio e utilizzare i mezzi pubblici

Con il bus

Molti servizi di autobus privati ​​nazionali e internazionali operano a Napoli, fermandosi generalmente a Piazza Garibaldi o Piazza Municipio.

Andare in giro

Attenzione: il traffico a Napoli può essere estremamente intenso, solo per fare un paragone: molto simile a quello di New York. Il traffico intorno alla stazione ferroviaria è pazzesco. Prima di tentare di attraversare la strada, osservare la gente del posto. L’idea è quella di individuare un divario nel traffico e ricominciare da capo e speriamo che le persone si fermino.

Esistono diversi modi per vedere Napoli e l’area circostante. Questi includono taxi, treno / metropolitana, autobus.

I taxi sono il modo più rapido per visitare Napoli, ma anche il più costoso. Prima di salire su un taxi, assicurarsi che sia autorizzato. I taxi autorizzati avranno uno stemma cittadino sulla porta e un numero di taxi. Inoltre, assicurati che abbia un metro. Per legge, i taxi autorizzati devono visualizzare un elenco di tariffe prestabilite in diverse lingue (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo). Controlla la presenza di tali tariffe e accettale prima di iniziare il viaggio.

Rimarrai sorpreso dalla facilità con cui puoi spostarti anche a piedi. I punti interessanti sono quasi ad ogni angolo e la maggior parte delle distanze – specialmente nel centro (storico) – sono piccole e possono essere facilmente percorse in pochi minuti.

Con i mezzi pubblici a terra

È abbastanza difficile avere un quadro chiaro del sistema di trasporto pubblico di Napoli, poiché diverse linee sono gestite da diverse compagnie. Tuttavia, è possibile acquistare un pass giornaliero per € 3,60 valido su tutti i veicoli. Con un biglietto di € 1,30, invece, puoi viaggiare per 90 minuti su tutte le linee che desideri (autobus, metropolitana, funicolare). Questo pass è sotto il banner Unico Campania che ha sul proprio sito web grandi mappe integrate delle varie linee della città.

  • Metropolitana di Napoli . Ci sono tre linee di metropolitana sotterranea a Napoli. Molte stazioni della metropolitana sono considerate esempi di architettura contemporanea e decorazione urbana artistica, facenti parte del progetto Stazioni dell’Arte . Sono generalmente più sicuri degli altri mezzi pubblici, perché sono sempre monitorati da telecamere e agenti di sicurezza. Ma la metropolitana non funziona di frequente, quindi non fare affidamento su di essa se hai fretta. Le maggior parte delle importanti quelli :
  • La Linea 1, costruita di recente, collega il centro città ai quartieri collinari, come il Vomero e l’area ospedaliera.
  • La Linea 2, molto più antica, collega le tre principali stazioni ferroviarie a Pozzuoli. I binari sono condivisi con la normale ferrovia
  • Linea 6, una nuova metropolitana leggera che collega Fuorigrotta a Mergellina.
  • Funicolare . La compagnia metropolitana gestisce anche quattro funivie: tre collegano il centro città al Vomero, l’ultima collega Mergellina a Posillipo.
  • Tram . ANM gestisce due linee di tram (1 e 4), di cui una costeggia la costa di Santa Lucia – Castelnuovo – Garibaldi (Stazione Centrale).
  • Autobus . ANM gestiva anche tutte le linee di autobus all’interno di Napoli, la maggior parte delle quali circolari. Napoli soffre di un grave problema di ingorgo e di solito gli autobus sono sovraffollati, quindi se puoi (a meno che non sia la sera o il fine settimana) cerca di evitarli. Un altro punto da notare è che a differenza di Roma, i biglietti non sono venduti sugli autobus. La compagnia di autobus assegna il personale per verificare se un passeggero ha un biglietto. I membri dello staff sono noti per rivolgersi ai turisti che non hanno familiarità con il sistema di vendita dei biglietti. Una volta che vedono salire i turisti su un autobus, chiederanno di vedere un biglietto. Non importa quanto spieghi, insisteranno prima per ottenere il passaporto e poi per richiedere una sanzione di 41,2 Euro. Se non paghi, minacciano di chiamare la polizia. Ancora una volta, se puoi, cerca di evitare di prendere un autobus.

Esistono tre diversi servizi ferroviari regionali che operano a Napoli e nelle aree circostanti. Essi sono elencati qui :

  • Circumvesuviana . La ferrovia Circumvesuviana opera da “Napoli Porta Nolana – Corco Garibaldi” e si ferma al piano inferiore della stazione ferroviaria centrale di Piazza Garibaldi e ha sei tratte che servono l’area locale di Napoli. Un percorso va da Napoli a Sorrento con diverse fermate nel mezzo, tra cui Ercolano (Ercolano) e Pompei Scavi (Pompei) per le rovine. Un altro itinerario percorre il Vesuvio. Altre rotte vanno ad Acerra e Nola-Baiano. Il sito web della Circumvesuviana contiene maggiori informazioni su orari, percorsi e costo dei biglietti.
  • Cumana . Questa raillina che opera da Montesanto a Napoli e segue la costa per circa 20 km prima di terminare a Torregaveta (Bacoli). Il Cumana gestisce i centri urbani di Montesanto, Fuorigrotta, Bagnoli, Pozzuoli, Arco Felice, Baia, Fusaro prima di raggiungere Torregaveta.
  • Circumflegrea . Questa railline inizia anche a Montesanto e termina a Torregaveta. Tuttavia, corre lungo il confine occidentale di Napoli attraverso i quartieri Soccavo, Pianurat, Quarto Flegreo, Licola e Cuma. Inoltre, è lungo circa sette chilometri rispetto al Cumana. perché Cumana e Circumflegra iniziano e finiscono negli stessi posti in cui uno può spostarsi rapidamente da un treno all’altro. Entrambi i servizi sono di proprietà e gestiti dalla stessa società e ulteriori informazioni sono disponibili sul sito Web SEPSA.
  • Treni regionali . Oltre ai treni di cui sopra, Trenitalia gestisce treni regionali da Napoli a Salerno.

In traghetto / aliscafo

Esistono diversi servizi di traghetti / aliscafi che collegano Napoli e porti / isole locali. I servizi di traghetto e aliscafi partono da Molo Beverello, Mergellina o Pozzuoli. Alcuni poi di loro sono elencati qui :

  • Metro del Mare ha diverse linee che collegano Napoli e Sapri; Bacoli e Salerno e Sorrento; Monti di Procida e Salerno; e, Amalfi e Sapri. Oltre alle fermate principali, il servizio di traghetto collega anche molte comunità più piccole. La pagina web Metro di Mare ha orari, orari e posizione dei contatori di biglietti.
  • Il GNL ha un servizio di aliscafi che collega Napoli con l’isola di Capri, insieme a Sorrento, Positano e Amalfi. Orari e orari sono disponibili sul suo sito Web.
  • AliLauro ha un servizio di aliscafi che collega Napoli con le isole di Ponza, Ventotene, Prochida, Ischia, Capri ed Eolie e le città di Formia, Castellamare, Sorrento, Positano, Amalfi e Salerno. Alilauro opera da entrambi Molo Beverello e Mergelina .
  • LNP gestisce sia l’aliscafo che le linee di imbarcazioni. Collega Napoli con Sorrento e ha altre linee che collegano Capri, Sorrento, Castellamare, Salerno, Amalfi e Positano. Pianificazione e orari possono essere scaricati dal sito Web LNP.

Vedere

A Napoli, alcuni possono trovare le condizioni reali di molti edifici e strade, e i graffiti dilaganti, scoraggianti. Altri affermano che questo è “il carattere immenso e la cultura di Napoli … e anche la sporcizia e il sudiciume hanno il loro sapore … una ricetta napoletana per la realtà e molto divertente”. La particolarità di Napoli è che il centro città non è la parte elegante della città. Non aspettatevi nel centro della città le condizioni incontaminate di molte altre grandi città europee, poiché il centro storico, a differenza della maggior parte delle città europee, non è il “centro”. Se vuoi visitare la parte elegante della città, puoi passeggiare per il meraviglioso lungomare (la Riviera di Chiaia o Via Francesco Caracciolo) e visitare Via dei Mille e il Vomero (principali aree commerciali).

La maggior parte dei siti in Campania (compresa Pompei) accetta la Campania Card per i turisti (ingresso gratuito). Alcune carte includono anche un pass per il trasporto pubblico locale.

Nota : il Museo Nazionale di Capodimonte, Castel Sant’Elmo, la Certosa e il Museo di San Martino e il museo Duca di Martina possono essere visitati GRATUITAMENTE fino al 31 maggio 2011 (potrebbero essere applicate restrizioni temporali)

  • Castel dell’Ovo a Porto Santa Lucia noto porto di Napoli con il Castello delle uova su una piccola penisola. Il castello attualmente ospita il Museo della Preistoria .
  • Castelnuovo (Maschio Angioino) Un enorme castello medievale sulla riva che ospita il principale museo cittadino con varie collezioni, ma soprattutto una galleria di immagini (con particolare attenzione alla pittura italiana del XIX secolo). Dal tetto, è possibile ottenere una delle migliori viste della città.
  • Museo Nazionale di Capodimonte – Napolitan National Gallery, assolutamente da vedere ! Mostra le collezioni di Burgia, Farnese e Borbon con principalmente dipinti italiani rinascimentali e barocchi. Tra i famosi artisti in mostra: Caravaggio, Tizian , Giovanni Bellini, Annibale Caracci, de Ribera e Giordano. Un bellissimo parco circonda il museo.
  • Museo Archeologico Nazionale – È il più grande museo di architettura romana al mondo, persino più grande del Museo Nazionale di Roma. La sua collezione è sorprendente sia considerando la qualità che la quantità degli oggetti esposti. Il Museo Archeologico di Napoli ospita dipinti murali e diversi oggetti rimossi da Pompei, Ercolano e altri siti di scavo nella zona. Inoltre, puoi ammirare la collezione di sculture romane di Farnese (comprese le famose sculture delle Terme di Caracala). € 9,00 per l’ammissione. I cittadini europei pagano € 6,5, i bambini entrano gratis. Se sei un cittadino dell’UE, con meno di 25 o più di 60 anni, puoi ottenere il prezzo ridotto di € 3,25. C’è anche un’audioguida disponibile che parla della collezione di statue al primo piano, tuttavia la maggior parte dei manufatti sorprendenti come i murales originali romani per lo più mitologie greche non sono coperti. Tutte le descrizioni dei reperti sono in inglese e in italiano. È assolutamente da vedere, un’incredibile collezione di artefatti. Il Museo contiene anche la “stanza segreta” ben segnalata contenente sculture erotiche, dipinti e affreschi di Pompei. Tutti i giorni: dalle 9:00 alle 19:30 (chiuso: martedì, 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre).
  • Veduta di Mergellina (da via Orazio o via Petrarca)
  • Certosa di San Martino Un monastero certosino in cima a una collina vicino al centro città. Esso ospita il Museo di Storia della Città .
  • Parco Virgiliano Un bel parco con una vista mozzafiato sulla zona circostante. È a circa mezz’ora dal centro della città, ma sicuramente ne vale la pena! Da non confondere con il Parco in cui si trova la tomba di Virgilio .
  • Piazza del Gesù e Piazza S.Domenico Maggiore La nuova chiesa di Jesuite è tra le chiese barocche più stravaganti del mondo! Dall’altra parte della strada troverete il monastero di Santa Chiara . Merita una visita per il suo bellissimo giardino decorato con affreschi e colonne colorate. Se prosegui verso Piazza San Domenico, passerai accanto a Sant’Angelo sulla chiesa del Nilo con l’altare di Donatello. La vicina Cappella Sansevero è anche nota per le sue sculture in marmo di figure velate.
  • Napoli Sotterranea Sotto la chiesa medievale di San Lorenzo Maggiore. È possibile assistere ai resti della città romana. I tunnel servirono da riparo durante la seconda guerra mondiale.
  • Castel Capuano
  • Castel Sant’Elmo
  • Catacombe di San Gennaro Catacombe medievali sulla collina di Capodimonte .
  • Quadreria dei Girolamini Una bellissima pinacoteca principalmente di pittura barocca italiana e alcune opere del famoso De Ribera. Gratuito e proprio di fronte al Duomo.
  • Duomo La chiesa principale di Napoli con due lussuose cappelle. Sotto di esso è possibile trovare lo scavo di un sito romano. Vicino al duomo si trova il Museo del tesoro di San Gennaro , con mostre d’arte del duomo e un’altra cappella affrescata.
  • Pio Monte della Misericordia Una chiesa e una pinacoteca entrambe appartenenti a una vecchia organizzazione di beneficenza. La galleria espone principalmente dipinti barocchi napoletani .
  • Teatro San Carlo , famoso teatro dell’opera di Napoli .
  • Piazza del Plebiscito La piazza principale di Napoli . Nei dintorni troverete il Palazzo Reale ( Palazzo Reale – aperto ai turisti), il Teatro San Carlo e la Galleria Umberto.
  • Acquario – Villa Comunale Un parco vicino alla riva con al centro il primo acquario pubblico d’Europa. Nelle vicinanze si trova il Cortes Museum of Applied Arts . La Casina Pompeiana nel parco ospita mostre temporanee incentrate sulla fotografia.
  • Galleria Umberto Un passaggio per lo shopping del XIX secolo.
  • Villa Floridiana Sede del Museo delle ceramiche Duca di Martina e Museo delle carrozze Marchese di Civitanova .
  • Museo Civico Filanghieri Era una collezione privata principalmente di arti applicate.
  • Città della Scienza
  • Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina
  • La Pinacoteca dell’Accademia di Belle Arte presenta principalmente dipinti italiani del XIX secolo .
  • PAN – Palazzo delle Arti di Napoli Arte contemporanea.
  • Raccolta Mura – Museo della canzone napoletana
  • Museo del corallo e del cammeo Gioielli tipici napoletani
  • Museo del Mare ( Museo Navale )
  • Fondazione Pagliara
  • Piomonte di Pieta ‘ a Palazzo Carafa Una chiesa manierista e una pinacoteca . Aperto solo nei fine settimana.
  • Museo tessile e abbigliamento Elena Aldorandini
  • Museo di Storia della Musica al Conservatorio di San Pietro a Maiella. Espone importanti manoscritti della famiglia Scarlatti.
  • Grotta di Seiano Una grotta artificiale sotto Posillipo. Conduce a un antico teatro greco.

Mangiare

Pizza

La pizza viene da Napoli. Cerca la pizza margherita , quella originale, con nient’altro che pomodori freschi, basilico, mozzarella fresca e un po ‘di olio d’oliva. Mangiare una pizza a Firenze oa Roma non è la stessa cosa che mangiarla a Napoli! Qui l’impasto è più spesso (rispetto ad esempio a Roma) ed è un po ‘gommoso.

A Napoli ogni pizzeria produce una pizza decente. Alcuni luoghi mostrano l’etichetta “Vera Pizza Napoletana” [“Vera pizza napoletana”] con una maschera Pulcinella che cuoce una pizza in un Vesuvio stilizzato, il che indica che la pizzerria segue gli standard dell’Associazione Verace Pizza Napoletana [Associazione vera pizza napoletana].

In generale è facile trovare una buona pizzeria, basta cercarne una senza turisti!

Cucina generale

La cucina napoletana in generale presenta molti frutti di mare , che si addicono al suo status di porto antico e ancora funzionante. Troverete molte salse a base di aglio saltate in olio extravergine di oliva, pomodori e vini rossi locali. Alcune delle salse più popolari sono arrabbiata (“arrabbiata”) o fra diavolo (“Fratello Diavolo”), il che significa che conterranno peperoncino. È un’ottima cucina. Godere!

Anche la mozzarella è tipica della regione, non perdere l’occasione di assaggiare quella fresca e vera!

Dolci

La città e la regione sono anche famose per la loro pasticceria (pasticcini), tra cui:

  • babà – trovato praticamente in ogni caffè, bar e pasticceria della città
  • jaka pastiera – dolce tipico di Pasqua (ma trovato tutto l’anno), fatto di ricotta fusa con mais e zucchero cotti al vapore e poi cotto
  • sfogliatella – spesso ripiena di ricotta (riccia) o crema al gusto di agrumi
  • roccocò e struffoli – tipici dolci natalizi
  • zeppole

Praticamente in qualsiasi posto che serve caffè saranno disponibili pasticcini, cornetti ripieni di nutella o altri dolci.

Bevanda

Napoli sta diventando sempre più popolare con una generazione più giovane di italiani e stranieri. Nonostante le notizie false e stereotipate di condizioni avverse, si riversano in città e danno rinnovata vitalità alla sua vita notturna. La scena più alla moda è attorno ai bar e ai caffè di Piazza Bellini, Piazza Santa Maria la Nova e Piazza San Domenico Maggiore, occupati dopo le 23:00. Si dovrebbe anche provare la zona intorno a Piazza dei Martiri , soprattutto Vico Belledonne a Chiaia , dove si possono trovare molti bar affollati, un winebar e un sacco di giovani, soprattutto nei fine settimana. Se vuoi avventurarti nella periferia della città, ci sono molti bar e club vicino al porto e al lungomare (il ” Lungomare “) di Pozzuoli.

× Cerchi Aiuto!